O – Il favoloso mondo pop-non pop di Olivier Marguerit

C’è una sala concerti a Parigi, La Flèche d’Or, in cui ho trascorso buona parte della mia residenza francese. Un’ora di metro per arrivarci, un’ora per tornare a casa. Poi però ci suonavano artisti come Olivier Marguerit e allora sticazzi le due ore di viaggio. O – questo il nome d’arte del musicista, quasi impossibile da googlare – ha un talento raro: è in grado di comporre canzoni pop meravigliose ed orecchiabili, pur distruggendo la struttura classica della canzone. L’ho intervistato in occasione dell’uscita del suo album di debutto, “Un torrent, la boue”. Entrambi parliamo un’inglese di merda e sicuro ci saranno un sacco di errori, ma in fondo sono dettagli trascurabili. Tipo le due ore in metro per andare e tornare dalla Flèche d’Or.

5.jpg

I’m honest: I adore your songs and I can’t properly put them in a specific frame or label (something that makes me love them even more). Maybe I should say that they’re a kind of synth-pop, in which the pop structure has been disjointed and rebuilt, according to your taste. What do you think about?

First of all thank you for your compliments. When I try to describe my music I say pop. It’s the easiest way to describe it because pop means melody and harmony for me. When the melody is here, you can arrange it as you want. For these songs, I recorded everything in my little studio and most of the instruments I have are synths so yes, I guess it can be described as synth pop but it’s not a real choice, finally. I wanted to work on specific structures, not classical stuff like verse/chorus and I wanted a strong narrative link between lyrics and music. For example, there’s a song about the birth of my daughter (“Mon Echo”, ndr) and the musical structure follows the story of this birth.

 Keep on talking about this song: could you tell me more about the clip of ‘Mon Echo’ and its origin, in general?

I wanted to do a “musical delivery”(una sorta di “parto musicale”, ndr). The first two parts of the song ( we could call them the “A1 & B1 parts”)  are talking about the way I fell in love with my wife and made this baby. Then there’s a central part (A2) which is for me the delivery.  The last part of the song (B2)  is the daughter part. It works like a mirror, harmonically B1 responds to A2 and A1 to B2. Is it clear?

That’s one of the things that I appreciated more in “Ohm pt.1”: you have been able to tell about the sexual universe in a poetic, cosy and direct way, never banal or rude. I guess that also the orgasm sound which closes ‘A Kiss’ – last song in your lives and in the new album as well – is a very reasonable choice. Was there anything special that pushed you to tell about this matter in this way?

I wanted to talk honestly of my life and sexuality is an important part of my life and our life in general. In part1 or “Un Torrent, La Boue” , a lot of the subjects are heavy like death, fear…and finishing by the sex is a way to be warmer at the end. I think that’s why this song is the end of the album and live.

After the first vinyl-Eps (Ohm pt. 1 e pt. 2), you have just relesed your first album on the 29th of January: “Un Torrent La Boue”. How did you change – in terms of music and lyrics – from the first Eps until your debut-album?

For me, this LP is the end of a cycle. Some of the songs are from the Eps, some are new or reworked. The Eps and the LP are in the same research about lyrics, “narrative” music…I just improved in term of production between the beginning of my recordings and now. Each time, I’m recording in my little home studio, playing all the instruments (except some drums by Jérôme Laperruque) and when I have a pre-mix of the songs, I go to the Yann Arnaud’s studio (mixer for Air/Syd Matters/Phoenix…) to mix it. For the last songs, I really tried to do better takes in my studio. I wanted my songs produced in a home studio way, but not sounding like that.

You keep on writing songs in French and English. Where was this double nature born? Was there anything or anybody that influenced you in that sense?

Not really I think. I’ve started writing songs in French more than 10 years ago and then I’ve played in bands that were using English as main language in their songs. For me, it’s quite natural to use English in the pop format because this language’s got something musical in itself but (as you can see in this interview) I’m not the best in English. I’ve learned a bit at school but not enough and nowadays it’s easier for me to use French for going directly to the point I want to touch. Most of the time.

Are you thinking about performing outside of France? Are you going to promote your next album just over there or abroad too?

I’d really love to. For the moment the Lp will be released in France and we’ll make a tour in France for playing the songs live with the band, but I would love to find a label in UK or maybe US to release the album and promote it. I have some ideas but nothing’s done

Last question: who is, for you, the best artist of the moment and why?

I really don’t know and I could change my mind every day, but I really like the songwriting of Connor O’Brien of the Villagers. Maybe  him. He’s a more in a folk mood now but on his previous records he balanced the perfect, classical songwriting with modern ideas of production. I want to find this balance.

15 + 15 = 2015 – La listona musicale di fine anno

Francesco Piccolo mi perdonerà se anche io ho una serie di cose insignificanti che adoro, principalmente per il loro essere così insignificanti. In un’ipotetica Top 10 di questo tipo, insieme alle persone che in metro sorridono leggendo un messaggio al cellulare e alle persone che in metro sorridono non usando mai il cellulare, ci metterei senz’altro le listone dei dischi di fine anno. Inutili, scontate, mai veritiere, noiose: dite pure quello che volete, le leggerò comunque. Anzi vi dirò di più: ogni anno il mio Word si becca la listona personale dei dischi italiani e stranieri a cui mi sono affezionato e che reputo geniali, così poi li riascolto tutti a dicembre (che vale sempre la pena).

Dopodiché non succede niente, naturalmente: salvare con nome la “Top Album Anno XXXX” e rileggere la stessa nell’anno “XXXX+1” sono le cose più emozionanti che potrei immaginare al riguardo. Quest’anno la listona pronta ce l’ho, così come ho un blog (questo) completamente abbandonato a se stesso. L’occasione è troppo ghiotta per non lasciarsi tentare e, diciamoci la verità, è sempre divertente dare un’altra bottarella all’Information Overloading del web.

In questo modo il prossimo anno la “Top Album Anno 2015” me la rileggo direttamente dal cellulare. Magari in metro. Poi però poso lo smartphone e torno a guardare gli sconosciuti che sorridono per un bel messaggio.

Quasi dimenticavo! Per rendere il tutto ancora più personale, discutibile e insignificante ho aggiunto un breve commento accanto ad ogni artista e album citato.

1

15 album italiani del 2015

Iosonouncane – “Die”. (Epico. Nel senso della genialità assoluta e dell’epos in quanto tale.)

Verdena – “Endkadenz Vol. 2” (I demoni che si scatenano. Dymo a loop.)

Colapesce – “Egomostro” (Quanta grazia, quanta bellezza, quanta verità.)

M+A – “Anyway Milkyway” (Sto ancora ballando sul ritmo giusto.)

Any Other – “Quietly. Silently. Going Away.” (Giovani + indie rock+ bravura = Any Other. Album ascoltato fino alla nausea.)

C’mon Tigre – “C’mon Tigre” (I Beirut italiani. L’ho detto.)

Wow – “Amore” (Gli anni ’60 direttamente nel garage di casa tua.)

Bianco – “Guardare per aria” (La delicatezza. Dopo aver ascoltato l’album siamo tutti un po’ più buoni. Promesso.)

Calcutta – “Mainstream” (Singalong Power. All night long. Ma anche tutto l’anno, eh.)

Celluloid Jam – “Youth” (Freschissimo in Inglese, quindi Cool.)

Giovanni Truppi – “Giovanni Truppi” (Stai andando bene Giovanni!)

Sig. Solo & The Superstar – “Sexsation” (Freschissimo in Italiano, quindi Freschissimo e basta.)

C+C = Maxigross – “Fluttarn” (Sembra un disco che viene dall’estero. Poi a tratti c’è anche un po’ del Battisti di Anima Latina.)

Alessio Bondì – “Sfardo” (L’Album in dialetto cu la a granni.)

Caso – “Cervino” (Ma quant’è bella la provincia nelle mani di Caso?)

————————————————————-

2

15 album stranieri del 2015

Sufjan Stevens – “Carrie & Lowell” (Vale ancora il termine “consumare i dischi” nell’era dello streaming digitale? Se sì, allora quest’album l’ho consumato. In silenzio.)

Kendrick Lamar – “To Pimp A Butterfly” (Il rapporto che ho con il rap adesso si compone di due fasi: un periodo pre-Kendrick Lamar e uno post Kendrick. Massiccio.)

Wolf Alice – “My Love Is Cool” (Non riuscivo più a godermi un discone come si deve. Poi ho ascoltato Wolf Alice.)

Jamie xx – “In Colour” (Il trip mentale dell’anno – Parte I)

Blur – “The Magic Whip” (I Blur che ritornano e se ne escono con un album del genere. Cosa volete di più?)

Everything Everything – “Get To Heaven” (Lo ascoltate una volta e that’s ammore!)

Beach House – “Depression Cherry” (Sono ancora intrappolato dentro il riff ipnotico di Space Song.)

Father John Misty – “I Love You, Honeybear” (And We Love You as well, Father John Misty!)

Panda Bear – “Panda Bear Meets The Grim Reaper” (Il trip mentale dell’anno – Parte II)

Chvrches – “Every Open Eye” (Se la metà dei dischi pop italiani suonassero come l’esordio dei Chvrches sarebbe una figata.)

Sleater-Kinney – “No Cities To Love” (L’indie rock di classe. Potente, catchy, cazzuto.)

Miley Cyrus – “Miley Cyrus & Her Dead Petz” (Karen Don’t Be Sad è il pezzo pop-non pop dell’anno. Già da solo per me varrebbe il disco intero.)

Ghost Culture – “Ghost Culture” (Se fai un disco così figo come esordio, cosa succederà dopo?)

Ibeyi – “Ibeyi” (Bastano due voci e un cajòn per mandare tutti a casa.)

Viet Cong – “Viet Cong” (Cupo, malinconico, ronzante e grezzo quanto basta.)

Proteggi questo tuo ragazzo – Parte 2

Com’è difficile la vita a tredici anni quando hai davanti l’ultimo rigore da tirare. Le immagini dei compagni e degli avversari che segnano un goal dopo l’altro scorrono rapide nella testa di Lorenzo: sembra passato un attimo o forse un’eternità, quando si trova catapultato all’improvviso di fronte a una minacciosa sfera arancione, unica causa della  futura vittoria o sconfitta di quella dannata finale. Lorenzo prende la rincorsa a testa bassa, poi si fa coraggio: alza lo sguardo e viene catturato dalla rossa e scintillante Renault 4, “palo” sinistro della porta di fortuna per l’evento sportivo più significativo del momento. L’infatuazione del ragazzo per quello splendido cofano fiammeggiante dura, però, soltanto il tempo di una timida rincorsa: Lorenzo adesso dà una rapida occhiata alle nuvole, tira un sospiro, poi calcia con tutta la forza che ha. Il tiro è sbilenco, ma potente: il Super Santos viaggia deciso in direzione della Renault 4, urta lo specchietto retrovisore ed entra in porta. “Goaaaaaal!!!” urla euforico Lorenzo, mentre lo specchietto si accascia moribondo sulla fiancata dell’auto. “Goaaaaaal!!!” “Goaaaaaal!!!” “Goaaaaaal!!!” risuona in tutto il cortile, ma non si riesce più a capire se è per il palo-goal di Lorenzo o per quello di Tardelli sul 2 a 0 alla Germania, poche ore più tardi. Le strade adesso sono un carosello di persone, tricolori e macchine strombazzanti: Lorenzo è in macchina con la famiglia, urla e festeggia come solo un ragazzino della sua età riesce a fare; ad un tratto con la coda nell’occhio vede una macchina passare proprio accanto a quella del suo papà: rosso fiamma, frontalino a rombo ed un inconfondibile specchietto retrovisore che ciondola allegro a ritmo di festa. Stringe i pugni, Lorenzo, quasi a voler tenersi stretto a lungo questo intenso istante di felicità: com’è dolce la vita a tredici anni quando un semplice rigore può trasformarsi di colpo nel ricordo più bello della tua adolescenza.

Proteggi questo tuo ragazzo – Parte 1

11 Luglio 1982, ore 12 meno un quarto. La finale dei Mondiali di Calcio di Spagna ’82 non è niente se hai tredici anni e sei uno di quei ragazzi del Pigneto alle prese con una questione ben più importante: la finale del mondiale di calcio di Roma Est. Il Santiago Bernabéu si trasforma in un cortile, i fuori non esistono mica, un po’ come le porte convenzionali, sostituite dalle auto parcheggiate ai lati della strada. Lorenzo, che a tredici anni ci è quasi arrivato, è il fiero panchinaro dei “Pignatti”, una delle due squadre in lizza per la vittoria finale. Che poi a presentarlo così, panchinaro e sfigato, quasi dispiace data la sua discreta bravura nel giocare a pallone: è l’ansia che frega Lorenzo, l’ansia che c’ha di sbagliare. Le unghie le ha già consumate da un pezzo quando dopo la fine del secondo tempo è costretto a sostituire Renato e quella dannata distorsione alla caviglia dell’ultimo minuto. La parità del punteggio raggiunta fino a quel momento e l’incombente ora di pranzo imponevano al gruppo di giovani calciatori una rapida e pratica soluzione: la finale si sarebbe decisa ai rigori. Lorenzo avrebbe tirato per ultimo; lo si era deciso tra i “Pignatti”, con la speranza di poter concludere il match prima del suo intervento. Com’è difficile la vita a tredici anni quando hai davanti l’ultimo rigore da tirare.

[continua…]

I critici musicali ora hanno il blog

Fulmicotone è un concentrato di soffici ed esplosive pasticche musicali. Fulmicotone è quel punto d’incontro tra scrittura, immagini, suoni e banalità: quella voce in più di cui non avevate bisogno, ma che potrà migliorare un istante della vostra giornata, come lo spazzolino elettrico ed il bottone di riserva in fondo alla camicia. Fulmicotone è l’incrocio dei venti tra Zenobi e St. Vincent, gli Ac/Dc e De Gregori, Battiato e i CCCP. Fulmicotone è ossimoro e anafora, barrè e pittura ad olio. Fulmicotone è, soprattutto, il bisogno di sentirsi liberi di fare ciò che piace, consapevoli di non essere in grado di cambiare il mondo, ma il proprio mondo perlomeno si.

A presto.

Minimalismo ft. Bowie